L’Huqúqu’lláh+supplemento Compilazione della Casa Universale di Giustizia

L’Huqúqu’lláh è il Diritto di Dio, il volontario contributo in denaro che solo i bahá’í hanno il privilegio di versare commisuratamente alle proprie disponibilità economiche. La compilazione chiarisce gli aspetti spirituali di questa legge, le modalità per assolverla e i benefici spirituali che se ne traggono. Il denaro dell’Huqúqu’lláh è amministrato dalla Casa Universale di Giustizia che se ne serve a seconda delle necessità della comunità.

L’Huqúqu’lláh è il Diritto di Dio, il volontario contributo in denaro che solo i bahá’í hanno il privilegio di versare commisuratamente alle proprie disponibilità economiche. La compilazione chiarisce gli aspetti spirituali di questa legge, le modalità per assolverla e i benefici spirituali che se ne traggono. Il denaro dell’Huqúqu’lláh è amministrato dalla Casa Universale di Giustizia che se ne serve a seconda delle necessità della comunità.

Scarica il libro in MOBI per Kindle

Acquista cartaceo

Sinossi e Codificazione del Kitáb-i-Aqdas della Casa Universale di Giustizia

Cento anni fa, in una stanza prospiciente una piazza polverosa dell’antico porto di ‘Akká, fu scritto un Libro che sarà considerato lo statuto della civiltà mondiale. Il Suo Autore, Bahá'u'lláh, aveva sopportato per oltre un quarto di secolo tribolazioni su tribolazioni. Il Suo Precursore era stato martirizzato; il Suo giovane Figlio, il Ramo più Puro, e circa ventimila credenti, uomini, donne e bambini, avevano offerto la propria vita perché la nuova Rivelazione potesse vivere. Egli Stesso era stato torturato, imprigionato, spogliato dei Suoi beni terreni, tradito dal Suo fratellastro e, con la Sua famiglia ed una piccola schiera di seguaci, ripetutamente esiliato e alla fine incarcerato nella pestilenziale città-prigione turca di ‘Akká. I Suoi nemici, decisi a distruggere la Sua Causa, avevano tutti involontariamente contribuito ad attuare l’antico proposito di Dio portando in Terra Santa Colui Che era destinato a fondare il Regno di Dio sulla terra. Con il Suo arrivo era giunto il momento per la rivelazione della Legge di quel Regno Casa Universale di Giustizia

Cento anni fa, in una stanza prospiciente una piazza polverosa dell’antico porto di ‘Akká, fu scritto un Libro che sarà considerato lo statuto della civiltà mondiale. Il Suo Autore, Bahá’u’lláh, aveva sopportato per oltre un quarto di secolo tribolazioni su tribolazioni. Il Suo Precursore era stato martirizzato; il Suo giovane Figlio, il Ramo più Puro, e circa ventimila credenti, uomini, donne e bambini, avevano offerto la propria vita perché la nuova Rivelazione potesse vivere. Egli Stesso era stato torturato, imprigionato, spogliato dei Suoi beni terreni, tradito dal Suo fratellastro e, con la Sua famiglia ed una piccola schiera di seguaci, ripetutamente esiliato e alla fine incarcerato nella pestilenziale città-prigione turca di ‘Akká. I Suoi nemici, decisi a distruggere la Sua Causa, avevano tutti involontariamente contribuito ad attuare l’antico proposito di Dio portando in Terra Santa Colui Che era destinato a fondare il Regno di Dio sulla terra. Con il Suo arrivo era giunto il momento per la rivelazione della Legge di quel Regno
Casa Universale di Giustizia

Scarica il libro in MOBI per Kindle

Acquista cartaceo

Il momento è questo Compilazione della Casa Universale di Giustizia

«Lo scopo supremo di ogni attività Bahá'í è l'insegnamento. Tutto quello che è stato o sarà fatto è imperniato su questa attività centrale, la «principale pietra angolare delle fondamenta», alla quale è dovuto qualunque progresso compiuto nella Causa. La presente sfida richiede un insegnamento di vastità e qualità, di varietà e intensità tali da superare tutti gli sforzi in atto. Il momento è questo, altrimenti l'occasione potrebbe andare perduta nei repentini cambiamenti di umore di questo mondo frenetico». (Messaggio della Casa Universale di Giustizia, Ridvan 145)

«Lo scopo supremo di ogni attività Bahá’í è l’insegnamento. Tutto quello che è stato o sarà fatto è imperniato su questa attività centrale, la «principale pietra angolare delle fondamenta», alla quale è dovuto qualunque progresso compiuto nella Causa. La presente sfida richiede un insegnamento di vastità e qualità, di varietà e intensità tali da superare tutti gli sforzi in atto. Il momento è questo, altrimenti l’occasione potrebbe andare perduta nei repentini cambiamenti di umore di questo mondo frenetico».
(Messaggio della Casa Universale di Giustizia, Ridvan 145)

Scarica il libro in MOBI per Kindle

Il Kitáb-i-Aqdas nella letteratura bahá’í Compilazione della Casa Universale di Giustizia

«La terra» scrive Bahá'u'lláh «è un solo paese e l’umanità i suoi cittadini». Oggi, i Suoi insegnamenti trovano espressione nella vita di una comunità mondiale unita che rappresenta l’intera diversità del genere umano e che è insediata in ogni parte del globo. Particolarmente degne di nota sono le sue attività in campi come l’integrazione razziale, la parità dei sessi e la promozione dell’educazione. Casa Universale di Giustizia

«La terra» scrive Bahá’u’lláh «è un solo paese e l’umanità i suoi cittadini». Oggi, i Suoi insegnamenti trovano espressione nella vita di una comunità mondiale unita che rappresenta l’intera diversità del genere umano e che è insediata in ogni parte del globo. Particolarmente degne di nota sono le sue attività in campi come l’integrazione razziale, la parità dei sessi e la promozione dell’educazione.
Casa Universale di Giustizia

Scarica il libro in MOBI per Kindle